Accesso a piedi dalla provinciale SP161

Abbiamo riscoperto un'antica mulattiera, per proporre una nuova via d'accesso al Rifugio degli Invincibili, che consente sia un comodo parcheggio sulla strada di fondovalle, sia una piacevole camminata nei boschi, fattibile tutto l'anno.

Descrizione

Il sentiero parte direttamente dalla strada che collega Villar a Bobbio Pellice, nei pressi della lapide che ricorda i tragici eventi dell'alluvione del maggio 2008, proprio di fronte alla segheria Palais di Rambaud. Imboccate una stradina in salita, come indicato dal cartello, che dopo poche decine di metri finisce; ora salite per un sentiero sul terrapieno costruito per contenere le piene del Rio Cassarot, che in condizioni normali non è che un ruscello. Poco oltre, attraversata la strada sterrata che conduce a destra alla borgata Garin, seguite il sentiero che si apre il varco tra i rovi, evitando accuratamente di pestare l'erba del signor Attilio, e, in corrispondenza di un rudere, prendete la mulattiera a sinistra, che sale in diagonale nel bosco di castagni.



Tra muretti a secco, il nostro sentiero lastricato continua a salire, lasciando sulla destra le case dei Catalan, volgendo poi a destra a monte dell'abitato. Dopo alcuni tornanti tra i castagni, giunti ad un quadrivio, proseguite per la pista di fronte a voi (indicazioni su pietra); al secondo tornante, andate a sinistra e in breve passerete

a valle delle case della borgata Maoussa,944m dove sorge una struttura agrituristica, l'Agriturismo Mausset. La pista, come una circonvallazione, aggira la borgata a sinistra, per ritornare a destra all'altezza delle ultime case. Tralasciato il sentiero pianeggiante a sinistra che conduce al Bessè, passate accanto alla fontana e continuate ancora brevemente per la strada, vedrete poi scritto su una pietra l'indicazione per il rifugio: prendete a sinistra e salite un tratto di pista più ripido, che vi porterà su una pista in minor pendenza. Seguitela per quattro tornanti, finchè finisce; prendete quindi la mulattiera che sale ripida a sinistra (indicazioni su pietre).



Passerete accanto ai casolari de La Vista e, più su, taglierete una pista forestale; tra le querce, le betulle ed i noccioli, s'intravvede già, in posizione dominante, il Rifugio degli Invincibili. La mulattiera attraversa poi la Gran Coumba, il cui ruscello è facilmente guadabile, e quindi, descrivendo due tornanti in un bel bosco di faggi, sbuca sulla pista forestale che dal Bessè porta agli Invincibili. Non vi resta altro che seguirla in salita per giungere in breve al rifugio.




Note tecniche:

  • Partenza: Segheria Palais di Rambaud sulla SP161, a quota 670m
  • Arrivo: Rifugio degli Invincibili 1356m
  • Dislivello: 686m
  • Difficoltà: E (escursionistico); segnavia bianco-rosso
  • Esposizione: sud, sud-ovest
  • Orario: h.1.40
  • Periodo consigliato: tutto l'anno; percorribile anche in racchette da neve