La flora

Colori, profumi, giochi di ombre e luci

Salendo dalla vicina pianura, attraverso ombrosi e freschi boschi che pian piano si rarefanno, le piante legnose divengono contorte e spesso striscianti, lasciano posto a specie erbacee che a loro volta riducono la loro lunghezza per meglio resistere a vento, tempesta e neve.

Inoltre le stagioni calde brevi ed intense condizionano fortemente la fioritura: ed ecco le grandi macchie di colori intensi dal blu al rosa acceso al giallo....spesso pronte subito dopo lo scioglimento delle nevi.

E non dimentichiamo la fitta peluria che difende tante specie dalle avverse condizioni atmosferiche, e nemmeno la forma delle foglie, spesso strette e carnose per ridurre la traspirazione.

Salire al rifugio

Ma partiamo con ordine, la salita al rifugio degli Invincibili è caratterizzata, dal punto di vista arboreo, da un magnifico bosco di castagno e faggio punteggiato da betulle e, più in alto da larici. In autunno questo alternarsi di specie ci regala una magnifica tavolozza di colori ma anche fantastici funghi!!